In questa sentenza il Collegio della  Prima Sezione chiarisce  l'ininfluenza di alcune conversazioni captate mediante intercettazioni ambientali, volte a modificare quanto determinato e sottoscrito in verbale di sommarie Informazioni rese alla Polizia giudiziaria; nel caso in specie, il soggetto, vittima di un agguato a colpi di arma da fuoco, dopo aver rilasciato Informazioni precise e dettagliate alla P.G. volte ad identificare l'autore dell'agguato, in ambito ospedaliero, conscio del fattore ambientale, mirava a pilotare le sue dichiarazioni al fine di "non passare per infame".

Tali conversazioni assumevano una chiara connotazione volta a sminuire o porre in dubbio il contenuto informativo del verbale di assunzioni di informazioni.

 

Cass.Pen. Sez. I sent. n. 33851 11/07/2017