Secondo l’art. 1, comma 2 del  D. M. 564/92, viene stabilito  che nei locali adibiti alla somministrazione di alimenti e bevande le porte o altri ingressi devono consentire l’accesso diretto dalla strada, piazza o altro luogo pubblico e non possono essere utilizzati per l’accesso ad abitazioni private”.

La norma è volta a precludere una eventuale via di fuga o di uscita dal locale che consenta ad un qualsiasi avventore di sottrarsi ad un controllo e conseguentemente allontanarsi dall’esercizio in modo occultato rispetto alle percezioni degli Organi di Polizia operanti.

 

sent. 1° dicembre 2014, n. 5943, del Consiglio di Stato