Con l’entrata in vigore il 9 agosto del cosidetto Decreto materiali, pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2017, D.Lgs. 106/2017 è  previsto che “il progettista dell’opera che prescrive prodotti non conformi alla norma venga punito con l’ammenda da 2.000 euro a 12.000 euro” e che “qualora la prescrizione non conforme riguardi prodotti e materiali destinati a uso strutturale o antincendio, il professionista sarà punito con l’arresto fino a tre mesi, e dovrà pagare una ammenda dai 5.000 euro ai 25.000 euro”.Tale responsabilità incombe anche costruttore, il direttore dei lavori, il direttore dell’esecuzione o il collaudatore.